t–>

NOTIZIARIO TECNICO NOVEMBRE 2014

Progettare la segnalazione visiva nei sistemi di rivelazione: alcuni utili spunti

La norma UNI 9795:2013 non stabilisce se un sistema di segnalazione di allarme debba essere composto da avvisatori acustici, acustico-luminosi o dai più recenti sistemi di allarme vocale a scopo di emergenza.

Ciò rientra nella specifica competenza del progettista, a cui la norma pone una serie di vincoli inequivocabili.

Anzitutto la certificazione di prodotto: EN 54-3 per i componenti acustici, EN 54-23 per i luminosi, EN 54-4 per le rispettive alimentazioni, EN 54-2 (uscita “C” o comunque monitorabile) per le centrali, EN 54-16 e 24 per i sistemi vocali.

La norma introduce poi l’obbligatorietà dei segnalatori luminosi (in aggiunta agli acustici) qualora il livello di rumore ecceda 95 dB(A), nell’ipotesi di utilizzo di dispositivi di protezione acustica individuale da parte dei lavoratori o in presenza di persone con disabilità uditive (vi è anche il caso delle audioguide).

Ciò pone al progettista l’interrogativo sui criteri da adottare per progettare sistemi con avvisatori luminosi.

La EN 54-23 e il CoP 0001

E’ prassi consolidata il posizionamento degli avvi